"Testimonianze"

Oasi Regina degli Angeli

_______________________________________________________________________________

ORA ET LABORA è uno dei pilastri della FONDAZIONE OASI REGINA DEGLI ANGELI Quando penso alla Fondazione Oasi Regina degli Angeli mi viene in mente il motto di San Benedetto da Norcia “Ora et labora”, da una parte la preghiera dall’altra il lavoro. La regola benedettina "ora et labora" ispira l'intera comunità dell'Oasi. Un percorso che propone di vincere l'accidia con una vita comunitaria che prevede un tempo per la preghiera e un tempo per il lavoro. Qui non si vive per produrre miele, semmai si produce miele per vivere e per aiutare le persone bisognose. In venti anni ho assistito a storie meravigliose di miglioramenti e di cambiamenti di vita. Le ore della giornata trascorrono fra il lavoro manuale e la preghiera. Nessuno spazio all’ozio, “nemico dell’animo”. Non un tempo “libero da”, ma un tempo “libero per”. Esperienza che nasce nel 1998 da un piccolo gruppo di persone che voleva condividere l’ideale di vivere in comunità con un forte spirito di accoglienza e di aiuto sincero ai disagiati. Uno dei principali obiettivi è proprio quello di promuovere iniziative di solidarietà a beneficio di soggetti svantaggiati a causa delle loro condizioni fisiche, economiche, sociali, familiari. Posso dire, per esperienza personale ventennale, che non si tratta di assistenzialismo, non si tratta nemmeno di un eden simile ad un parco giochi floreale ma si tratta di un cammino verso la vita Eterna, un percorso di vita che propone di vincere l’accidia con una vita comunitaria che prevede un tempo per la preghiera ed uno per il lavoro, lontana dalle privazioni e dalle mortificazioni estreme imposte dalla vita degli asceti. Qui ad esempio non si vive per produrre miele ma semmai si produce miele per vivere e per aiutare gli altri, gli svantaggiati, gli ultimi. Con tale opera di accoglienza si vuole concretamente dare un aiuto alle persone bisognose e stimolare in loro la certezza che esiste un presente e un futuro migliore. L’altra sera mia figlia di 6 anni mi ha chiesto davanti a tutti “papà ma visto che venivi sempre qui è vero che gli amici dell’Oasi ti hanno cresciuto?” suscitando l’ilarità generale e il mio imbarazzo, ma poi pensandoci bene è stato proprio così. Gli amici dell’Oasi Regina degli Angeli mi hanno aiutato nella preghiera, ad essere un lavoratore, un padre e un marito migliore, maggiormente sensibile ai problemi degli altri. In questi 20 anni di frequentazione la comunità ha donato accoglienza e ospitalità a famiglie, a ragazze madri con figli, a persone disagiate, a bambini orfani. Ho assistito a storie meravigliose di miglioramento, di cambiamento, diverse sfaccettature dello stesso prezioso Diamante.

Avigliano 15/10/2018

Vitino Pietrafesa

 

 

 

 


Via Giovanni Paolo II - 81035 frazione Ameglio di Marzano Appio (CE)